64° Taormina Film Fest: stasera la cerimonia di premiazione al “Teatro Antico”

 

CONFERENZA STAMPA. Ultimi preparativi prima del gran finale di stasera al Teatro Antico, che sarà in onda in diretta sulle emittenti che vorranno usufruire del segnale messo a disposizione gratuitamente da Videobank.

Questa mattina una partecipata conferenza stampa ha aperto l’ultima giornata del Festival. Presenti l’assessore alla Cultura di Taormina Francesca Gullotta, che ha portato i saluti del sindaco Mario Bolognari, Giuseppe Di silvestri, di Igea Banca, i direttori artistici Gianvito Casadonte e Silvia Bizio, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, in giuria a questa edizione del Festival, i vertici di Videobank, Lino Chiechio e Maria Guardia Pappalardo, rispettivamente General Manager e Amministratore Unico.

Nel corso dell’incontro con la stampa grande attenzione è stata data al futuro del Taormina Film Fest.

L’assessore Francesca Gullotta l’ha definita «il fiore all’occhiello. Il nostro auspicio è quello di poterlo portare agli antichi splendori – ha continuato – Il nostro obiettivo è quello di far diventare Taormina Arte un polo catalizzatore. La città ha disperso queste iniziative. Bisogna utilizzare il brand conosciutissimo. La nostra collaborazione sarà massima».

Giuseppe Di Silvestri del cda di Igea Banca  ha spiegato che affiancare Videobank, come altre società siciliane che lavorano per far crescere la Sicilia è la finalità principale di Igea Banca, pur avendo una proiezione nazionale. «Chi vuole fare imprenditoria in Sicilia deve avere una marcia in più. E allora affiancare Videobank è un dovere».

L’Amministratore Unico di Videobank, Maria Guardia Pappalardo, ha ringraziato tutti coloro che si sono impegnati in quello che, quest’anno, è stato definito il “Festival dei miracoli”,  facendo riferimento allo straordinario sforzo organizzativo che ha permesso di mettere su, in pochissimi giorni, un Festival d’eccellenza.

I direttori Artistici Silvia Bizio e Gianvito Casadonte sono entrati poi nel cuore di tutte le tematiche legate a questa e alla prossima edizione del Taormina Film Fest siglato Videobank. Orgogliosi di quanto si è riusciti a realizzare quest’anno con le numerosissime anteprime, con le tematiche affrontate, con i grandi personaggi che sono riusciti a coinvolgere in questa straordinaria “Avventura”, riferimento non casuale alla locandina del film di Antonioni con una splendida Monica Vitti, icona del cinema italiano.  Rispondendo alle domande dei giornalisti i due direttori artistici, sottolineando lo sforzo di Videobank che ha investito in una grande operazione culturale, hanno anticipato qualche notizia relativa alla prossima edizione. Si è parlato già di più appuntamenti al Teatro Antico; si è data una prima indicazione relativa alle date più congeniali, come la fine di giugno, per distribuzioni, campus, le anteprime e disponibilità degli ospiti. Dai due direttori inoltre l’impegno per una prossima edizione straordinaria «quest’anno siamo riusciti in un’impresa veramente difficile. Per il prossimo anno, se potremmo lavorare ad una progettualità sin da settembre potete solo immaginare cosa potremmo fare. Noi vogliamo portare l’Arte al pubblico, perché un’operazione del genere porta Cultura. Bisogna volere bene al Taormina Film Fest».

Ninni Panzera, segretario Generale Taormina Arte ha mostrato «grande apprezzamento da cinefilo per il lavoro organizzato in pochissimo tempo creando attorno al festival un clima di simpatia. Taormina Arte e Taormina film Fest sarà una locomotiva a cui vorranno aggrapparsi tutti».

Maria grazia Cucinotta ha sottolineato l’importanza di una manifestazione che porta in Sicilia il Cinema internazionale. «Sono a casa e sono cresciuta con il sogno di essere al Festival di Taormina – ha detto l’attrice messinese – Oggi è un sogno tornarci. Quando nasci e cresci su un’isola ti rendi conto che è una barca e hai bisogno di qualcosa che ti porti sulla terra ferma. Portare qui il cinema internazionale è una grande possibilità di confronto, una grande occasione che puoi dare ai giovani per provarci per mettersi alla prova. Cinema è quel sogno che si realizza per condividere emozioni. Sono fiera di essere qui per rappresentare la mia terra. Voglio che il festival torni ad essere quello di quando io ero bambina».

 

*********

SERATA FINALE. La 64esima edizione del Taormina Film Fest si avvia così verso la finale nella splendida cornice del Teatro antico di Taormina, che sarà presentata dal giornalista e conduttore televisivo Salvo La Rosa per la regia di Luca Alcini.

Tra le star premiate spiccano i nomi di Matthew Modine, Rupert Everett, Richard Dreyfus, Maurizio Millenotti, Michele Placido; a Pietro Bartolo, medico che si è speso nell’accoglienza dei migranti andrà il VI premio Angelo D’Arrigo.

Cresce la curiosità per i premiati che saranno tutti svelati questa sera.

Diversi  i prestigiosi premi.,  a cominciare dal Tauro d’Oro, Taormina Arte Award, poi il premio  Paola Ferrari De Benedetti; il Premio Cirs;  il premio miglior esordiente; il premio Sebastiano Gesù, aggiunto quest’anno in ricordo dello storico e critico del cinema, recentemente scomparso.

A rendere prestigiosa  la 64esima edizione del Festival i nomi delle grandi donne della giuria che hanno tinto di rosa questa edizione del Festival: Maria Grazia Cucinotta, Martha De Laurentiis, Eleonora Granata, Donatella Palermo, Adriana Chiesa.

 

*********

CONSUNTIVO 19 LUGLIO. Anche ieri è stata una giornata intensa al Taormina Film Fest, ricca di appuntamenti e grandi star del cinema, che si sono alternati al Photocall.

Tra i più attesi l’attore britannico Rupert Everett. «Sono venuto tante volte  Taormina, che è un posto incantevole» ha detto svelando i suoi luoghi preferiti tra cui gli hotel dove ha soggiornato.  Everett si è mostrato felice di presentare il film “The happy prince”, come regista, mentre sta valutando i suoi prossimi impegni lavorativi.

Si è mostrato molto disponibile ed entusiasta al confronto con il pubblico Matthew Modine, la cui masterclass è in programma alle 17 di oggi. «La masterclass è un’opportunità per le persone per fare delle domande su di me e sulla mia vita. – ha detto l’attore statunitense –  Rispondere alle domande è più divertente piuttosto che andare preparato. Cercherò di rispondere al meglio sui miei tanti film». Poi uno sguardo da parte di Modine al cinema italiano. «Quando parliamo di cinema italiano parliamo sempre del passato, con Fellini e De Sica, sono curioso di capire chi sono i  registi che creeranno un rinascimento del cinema italiano. Queste sono le persone che sono curioso di conoscere e con cui ho voglia di lavorare».

Davanti agli obbiettivi dei tanti fotografi si sono poi alternati anche Sebastiano Somma, Maurizio Millenotti e tanti altri artisti che stanno contribuendo a rendere grande la 64esima edizione del Taormina Film Fest siglata Videobank.

Interessante, ironica, divertente, ma sempre arguta e critica nei confronti della realtà è stata Sabina Guzzanti nel corso della masterclass. Nella “Conversazione” con la co-direttrice della 64esima edizione del Taormina Film Fest, Silvia Bizio, la Guzzanti ha raccontato la sua carriera, dagli esordi con la Tv delle ragazze (annunciandone il ritorno in Tv in quattro puntante), passando per le imitazioni, la satira politica degli anni ’90, per poi arrivare al teatro, ai documentari e ai film.  «Quello che mi piace di più è il cinema ma anche il teatro» ha spiegato l’attrice che nel corso della masterclass non ha mancato di svelare qualche trucco del suo mestiere e lo studio dei personaggi. Confrontando i diversi periodi della sua carriera non è mancata la satira e l’ironia anche per la politica contemporanea, che ha svelato la preoccupazione sulle tematiche al centro delle cronache nazionali ed europee, come il tema dell’accoglienza. Sul festival dedicato alle tematiche femminili ha detto: «È molto bello che si dia spazio alle donne nel cinema. È encomiabile l’attenzione che quest’anno sia stata data alle donne». Taormina ha poi accolto l’atteso arrivo di Maria Grazia Cucinotta, giurata al Taormina Film Fest 2018, dove presenta il suo corto fuori concorso.ù

«Ogni film è un messaggio di chi aveva un sogno e lo ha realizzato. Costruendo questo mondo magico che è il cinema  – ha esordito – “Il compleanno di Alice” è un corto per dare un messaggio contro il bullismo. Tante volte noi grandi pensiamo che i nostri problemi siano più importanti  di quelli dei piccoli, invece i problemi dei piccoli a volte lasciano ferite che non si rimargineranno mai».

Annunci

Pubblicato il 20 luglio 2018 su ALL NEWS. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: