FIUMARA D’ARTE – IL RITO DELLA LUCE 2019

Dopo un anno dedicato al silenzio in cui non si è compiuto se non nella memoria di chi lo ha vissuto negli anni precedenti, torna in Sicilia il Rito della Luce di Antonio Presti.

L’appuntamento, che vedrà protagonisti oltre 300 artisti, è in programma dal 21 al 23 giugno nei luoghi che da sempre hanno contraddistinto la Fiumara d’Arte in provincia di Messina: l’Atelier sul Mare di Castel di Tusa, che con le sue stanze d’arte incanta visitatori di tutto i mondo e la Piramide del 38° Parallelo di Motta d’Affermo, il luogo in cui si svolge il Rito della Luce al solstizio d’estate.

Dopo il silenzio, dettato dalla necessità di un momento di riflessione per alcune scomparse che hanno scalfito l’animo dell’artista siciliano – la morte della madre e degli artisti Mario Staccioli (che è autore della Piramide) e di Hidetoshi Nagasawa (che ha firmato Stanza di Barca d’Oro all’intero della fiumara) – adesso è il momento dell’Eresia.

Saranno questa parola e le sue accezioni rivolte all’essere consapevoli, diversi mantenendosi nel giusto e portatori di una bellezza intrinseca nel saper discernere il bene dal male in un contesto sociale che tende ad omologare, il motore dell’intera manifestazione.

“Eretico – spiega Antonio Presti, è oggi chi ha il coraggio di avere più coraggio, di chi crede che solo nel noi l’io possa trovare realizzazione e di chi sostiene la bellezza della diversità. Si tratta di un’eresia laica, dei fatti prima che delle parole, quella che sta nell’etica prima che nei discorsi. L’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità, dell’impegno e dell’esempio di ognuno di noi”.

Il Rito della Luce, lo straordinario percorso di Politica della Bellezza e della Conoscenza, ritorna dunque quest’anno nei giorni del Solstizio d’Estate con l’Eresia della Bellezza, un’azione culturale che continua a trasmettere messaggi assoluti e supremi. “Non vi è realtà rivelata – narra ancora l’artista – se non quella della bellezza, insostenibile, differente, sovversiva e invisibile”.

Una nuova forma di esaltazione della giustizia dopo un anno di silenzio che ha anche avuto a che fare con quelle che Antonio Presti definisce “ferite interiori e civili” e che toccano da vicino temi come la politica che non protegge la cultura e la mentalità mafiosa.

Dopo avere avuto l’affidamento e aver avviato le attività artistico-culturali su Le Rocce di Capo Mazzarò (Taormina), l’artista ha sofferto per la mortificante negazione del comodato d’uso concesso. Una frenata inattesa che ha costretto a sospendere i tanti progetti studiati per restituire il villaggio, dopo mezzo secolo di abbandono, incuria e varie speculazioni, alla comunità che per 50 anni ne era stata privata.

A ciò si uniscono i fatti gravissimi che hanno violato il Parco Fiumara d’Arte per mano delinquenziale e mafiosa sui lavori di restauro delle opere donate da Presti in tanti anni di sacrifici, solitudine e battaglie.

“Non è pensabile – dice ancora Antonio Presti – che dopo una vita di lotta contro la mafia di qualunque Sistema, il futuro della Fiumara d’Arte possa essere consegnato ad una gestione pubblica che invece di proteggere e custodire la Bellezza, la consegna ad una gestione mafiosa e corrotta. Le opere per intenderci sono per me i miei figli. La Fiumara d’Arte non si tocca, è inviolabile”.

Tutte queste ferite hanno imposto il silenzio che non è stato assenza ma ascolto universale. Una forza ritrovata a marzo di quest’anno con il Cantico di Librino, un’opera monumentale donata al quartiere periferico di Catania, che ha coinvolto dieci fotografi e migliaia di cittadini che hanno ribattezzato la loro esistenza nel nome di San Francesco.

Il Cantico, insieme alla Porta della Bellezza, opera in terracotta realizzata da 2000 bambini insieme alla loro mamme, ha affermato e consolidato uno spazio museale delle arti contemporanee all’interno del quartiere, restituendo il diritto alla cittadinanza attraverso il potere della conoscenza.


L’Eresia della Bellezza

In questo momento storico anestetizzato da un generale disorientamento e da una effimera rappresentazione della bellezza, come immagine dell’apparire e non dell’essere, è necessario il coraggio di una scelta di differenza come libertà di pensiero. Occorre quindi aprirsi alla ricerca del vero, del bene, del giusto senza timore di essere eretici.

“Eresia dal greco αἵρεσις, spiega l’ideatore del Rito della Luce – vuol dire scegliere. Eretico è la persona che sceglie e, in questo senso, è colui che più della verità ama la ricerca della verità”.

– Eretico è chi non pensa come il sistema impone, viene rimosso, manipolato, omologato, messo a tacere, annullato nel dire e nell’essere ascoltato;

– Eretico è chi mette la propria libertà al servizio degli altri;

– Eretico è chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è;

– Eretico è chi protegge la cultura, chi va nelle scuole e dona conoscenza;

– Eretico è chi non si accontenta dei saperi di seconda mano, chi studia, chi approfondisce, chi si mette in gioco in quello che fa. ;

– Eretico è chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie, chi non pensa che la povertà sia una fatalità, chi sta con le minoranze;

– Eretico è chi va nelle periferie e promuove il senso dell’identità come Valore dell’Essere;

– Eretico è chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza;

– Eretico è chi crede che solo nel noi l’io possa trovare una realizzazione;

– Eretico è chi non si fa anestetizzare dal cellulare o dalla tecnologia;

– Eretico è chi ha il coraggio di avere più coraggio;

– Eretico è il diverso e chi sostiene la diversità;

– Eretico è chi non si fa riconoscere dal proprio stesso riconoscimento;

“E allora – scrive Presti nel suo testo di presentazione del Rito – io vi auguro di cuore questo coraggio di eresia laica. Vi auguro l’eresia dei fatti prima che delle parole, l’eresia che sta nell’etica prima che nei discorsi. Vi auguro l’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità, dell’impegno e dell’esempio di ognuno di noi”.

Il Rito della luce si svolge con la collaborazione del comune di Motta d’Affermo e del consorzio Valle dell’Haelesa (comuni di Tusa, Pettineo, Castel di Lucio, Reitano, Santo Stefano di Camastra, Mistretta).

Il Programma

Durante la tre giorni ci sarà occasione di assorbire l’energia delle opere che contraddistinguono la Fiumara d’Arte, di visitare le stanze dell’Atelier sul Mare che hanno reso famoso ed unico l’albergo che si affaccia sulle acque di Castel di Tusa, di vivere per tre giorni immersi in performance e mostre e di partecipare alla magia del rito stesso tra le pareti di una piramide che si apre come un cuore immobile, dentro il quale penetra la luce che è insieme simbolo di conoscenza e rinascita interiore.

Venerdì 21 Giugno Castel di Tusa e Motta d’Affermo (ME)

•Dalle 10:00 alle 21:00 apertura della Piramide – 38° Parallelo Motta D’Affermo.

•Ore 12:00 visita guidata delle camere d’arte del Museo Albergo Atelier sul Mare Castel di Tusa.

•Dalle 16:00 alle 18:00 Saluto al Sole.

•Durante la giornata il pubblico potrà assistere all’allestimento delle opere artistiche.

Sabato 22 Giugno Castel di Tusa e Motta d’Affermo (ME)

•Dalle 10:00 alle 21:00 apertura della Piramide – 38° Parallelo Motta D’Affermo.

•Ore 12:00 visita guidata delle camere d’arte del Museo Albergo Atelier sul Mare Castel di Tusa.

•Ore 18:00 Associazione Famiglie Persone Down Catania (AFPD) Inaugurazione mostra

fotografica “Noi Siamo Bellezza” a cura di Antonella Cunzolo presso Museo Albergo

Atelier sul Mare Castel di Tusa.

•Ore 21:00 Inaugurazione della mostra sculture-design a cura di Umberto Leone e Ute Pyka

presso Museo Albergo Atelier sul Mare Castel di Tusa.

•Ore 22:00 Ensemble di artisti nello spazio antistante il Museo Albergo Atelier sul Mare

Castel di Tusa: Musiche, canti e reading di poesia.

Domenica 23 Giugno Castel di Tusa e Motta d’Affermo (ME)

•Ore 12:00 visita guidata delle camere d’arte e mostra fotografica

“Noi Siamo Bellezza” presso Museo Albergo Atelier sul Mare Castel di Tusa.

•Dalle 15:00 all’imbrunire: Rito della Luce presso la Piramide – 38° Parallelo

Motta D’Affermo con letture di poesie, danza, musica e performance

sino al tramonto del sole.

Info utili

Si invitano tutti i partecipanti al Rito della Luce a indossare abiti bianchi e a rispettare il silenzio.

Per raggiungere la Piramide da Castel di Tusa percorrere la SS 113 in direzione Messina per 2 km; superato il cavalcavia della Fiumara, svoltare a destra sulla SP 176 e proseguire per 6 km circa fino al bivio con la SP 173 e giungere a Motta d’Affermo dopo altri 6 km. Seguire le indicazioni fino alla scultura Energia mediterranea di Antonio Di Palma. Da qui il pubblico sarà accompagnato da un servizio di bus-navetta attivo dalle ore 15 all’imbrunire. Si prega di rispettare la fila.

Rito della Luce – Solstizio d’estate
Dal 21 giugno al 23 giugno 2019
Piramide – 38° Parallelo, Motta d’Affermo (ME)
Albergo-Museo Atelier sul Mare, Castel di Tusa (ME)
Museo all’aperto Fiumara d’Arte (Pettineo, Castel di Lucio, Reitano, Santo Stefano di Camastra, Mistretta, Castel di Tusa, Motta d’Affermo, Mistretta).

Annunci

Pubblicato il 1 giugno 2019 su ALL NEWS. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: