Catania: controlli nel settore apistico – sequestrato miele sospetto nella zona etnea

Con l’approssimarsi della stagione autunnale il consumatore è orientato alla ricerca e consumo di prodotti del settore agroalimentare, soprattutto di provenienza locale, considerata la naturale vocazione del circostante territorio pedemontano che offre diversi specialità tipiche ed esclusive.

Anche in questo settore si concentra l’attività di controllo dei carabinieri del Nas, in particolar modo sui prodotti per i quali annualmente vengono sostenute, spesso con il patrocinio degli enti locali, intere campagne promozionali che attirano considerevoli flussi turistici di provenienza perfino interregionale.

Tra queste rientra sicuramente quella del miele che determina un imponente indotto commerciale che non sempre riesce a soddisfare le esigenze di mercato. Ecco che talvolta alcuni operatori del settore poco coscienziosi e professionali, anche per ovviare a tali carenze produttive, decidono di rifornirsi di partite di miele di diversa provenienza, anche estera e non certificata.

I controlli svolti ultimamente dai carabinieri del Nas di Catania ad alcune aziende apistiche del territorio etneo hanno portato a segno il sequestro di diverse decine di tonnellate di miele semilavorato per il quale non era stata minimamente dimostrata l’origine e la provenienza, in violazione della procedura di rintracciabilità commerciale.

La cosiddetta “filiera alimentare”, cioè quel sistema di informazioni, obbligatorio per legge dal 2005, che permette ai consumatori non solo di conoscere le caratteristiche qualitative del prodotto, ma anche la provenienza e l’esatta origine, a garanzia della genuinità e salubrità dell’alimento in tutte le fasi di produzione, trasformazione e vendita.

I produttori ed i commercianti sono tenuti ad informare il consumatore finale, apponendo un’etichetta dalla quale ci si può accertare della natura dell’alimento, dello stabilimento produttivo, della zona di provenienza, dell’eventuale presenza di allergeni ed altre caratteristiche salienti.

L’intero quantitativo è stato pertanto sottoposto a vincolo sanitario con la collaborazione di personale medico del locale distretto veterinario dell’ASP con il quale sono stati prelevati alcuni campioni di miele da sottoporre ad analisi chimiche per accertare la conformità e salubrità del prodotto.

L’attività di controllo dei Carabinieri del NAS di Catania sarà continuata assiduamente sul resto del territorio, a tutela di quei cittadini che, convinti di acquistare prodotti originari e naturali, potrebbero inconsapevolmente imbattersi in forniture agroalimentari che nulla hanno a che vedere con il contesto geografico in cui vengono presentati.

Pubblicato il 14 ottobre 2019 su ALL NEWS. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: